g-docweb-display Portlet

Procedura sui ricorsi - Incompetenza del Garante per la determinazione del risarcimento danni in relazione alle violazioni della legge n. 675/1996...

Stampa Stampa Stampa
PDF Trasforma contenuto in PDF

 [doc. web n. 40193]

Procedura sui ricorsi - Incompetenza del Garante per la determinazione del risarcimento danni in relazione alle violazioni della legge n. 675/1996 - 26 ottobre 1999

Il Garante non è competente in ordine a richieste di risarcimento danni in relazione a violazioni della legge n. 675, richieste che devono essere fatte valere di fronte all´autorità giudiziaria ordinaria.

Roma, 26 ottobre 1999

Sig. ....

OGGETTO: precisazioni in ordine alla presentazione di "ricorsi" al Garante per la protezione dei dati personali.

È pervenuta a questa Autorità in data 3 agosto 1999 un´istanza inoltrata dalla S.V. ed erroneamente indirizzata presso il Ministero dell´interno. Con tale nota si richiede al Garante di disporre un risarcimento danni a carico di alcuni soggetti che, tramite un investigatore privato, avrebbero raccolto informazioni su una sua assistita.

Al riguardo, il Garante precisa quanto segue:

  • il ricorso di cui all´art. 29 della legge n. 675/1996 può essere presentato solo in riferimento all´esercizio dei diritti di cui all´art. 13, comma 1 della medesima legge. In tali ipotesi il ricorrente deve avanzare le proprie richieste direttamente nei confronti del titolare del trattamento o del responsabile dello stesso ed attendere poi almeno 5 giorni dalla data di presentazione di tali richieste, tranne che nell´ipotesi particolare di cui all´art. 29, comma 2;
  • le norme procedurali concernenti i ricorsi si rinvengono negli artt. 18, 19 e 20 del d.P.R. 31/3/1998 n. 501, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 1/2/1999, di cui si allega copia;
  • la proposizione di un "ricorso" ex art. 29 richiede poi il versamento dei diritti di segreteria nella misura di £ 50.000, da effettuarsi sul c/c n. 96677000 intestato a Garante per la protezione dei dati personali, Largo del Teatro Valle, 6, 00186, Roma;
  • al di là della specifica ipotesi del ricorso ex art. 29, è possibile rivolgersi al Garante, in ordine a presunte violazioni della legge n. 675, anche attraverso lo strumento delle "segnalazione e reclami" di cui all´art. 31, comma 1, lettera d) della medesima legge;
  • si segnala, peraltro, che non è soggetto all´applicazione della legge n. 675, "il trattamento di dati personali effettuato da persone fisiche per fini esclusivamente personali…sempreché i dati non siano destinati ad una comunicazione sistematica o alla diffusione" (art. 3, legge n. 675);
  • si ricorda, infine, che questa Autorità non è competente in ordine a richieste di risarcimento danni in relazione a violazioni della legge n. 675, richieste che devono essere fatte valere di fronte all´autorità giudiziaria ordinaria.

IL SEGRETARIO GENERALE

Scheda

Doc-Web
40193
Data
26/10/99

Tipologia

Decisione su ricorso