Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Provvedimento del 6 luglio 2006 [1332544]

[doc. web n. 1332544]

Provvedimento del 6 luglio 2006

 

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vicepresidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il ricorso presentato il 12 maggio 2006 con il quale XY, rappresentato e difeso dagli avv.ti Francesco Romano e Vittorio Romano presso il cui studio ha eletto domicilio, a seguito della segnalazione del proprio nominativo da parte di Diners Club Italia s.r.l. all´archivio di C.a.i.-Centrale d´allarme interbancaria per il mancato pagamento di un importo e alla conseguente sospensione della carta di credito rilasciata da Diners, ha riproposto le richieste già formulate nell´istanza ex art. 7 del Codice con le quali aveva chiesto alla predetta società di attivarsi per la rettifica e la cancellazione dei dati che lo riguardano dal citato archivio; rilevato che il ricorrente ha sostenuto l´illiceità di tale segnalazione "da porre in relazione ad un disguido interno" alla società resistente, probabilmente dovuto alla "chiusura del suo personale conto corrente intrattenuto presso" Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. con contemporanea autorizzazione all´addebito delle residue pendenze sul conto corrente della propria coniuge presso la medesima banca; rilevato che il ricorrente ha altresì dichiarato di aver, comunque, "in data 20/02/2006 (…) eseguito (….) a mezzo disposizione di bonifico a favore di Diners Club Italia" il pagamento dell´importo richiesto, chiedendo, infine, di porre a carico della resistente le spese del procedimento;

VISTI gli ulteriori atti d´ufficio e, in particolare, la nota del 22 maggio 2006 con la quale questa Autorità, ai sensi dell´art. 149, comma 1, del Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196), ha invitato il titolare del trattamento a fornire riscontro alle richieste dell´interessato;

VISTA la nota anticipata via fax il 7 giugno 2006 con la quale Diners Club Italia s.r.l. ha riscontrato le richieste del ricorrente, sostenendo di aver "già provveduto a rettificare i dati personali (…) che hanno dato luogo alla segnalazione (…)", precisando anche di aver "già richiesto, in data 5 giugno u.s., alla Centrale d´allarme interbancaria (C.a.i.) la cancellazione del nominativo del ricorrente";

VISTA la nota inviata via fax il 7 giugno 2006 con la quale il ricorrente ha preso atto della spontanea adesione della resistente alle citate richieste, ribadendo peraltro la richiesta di porre a carico della stessa le spese del procedimento;

RITENUTA pertanto la necessità di dichiarare non luogo a provvedere sul ricorso ai sensi dell´art. 149, comma 2, del Codice;

VISTA la determinazione generale del 19 ottobre 2005 sulla misura forfettaria dell´ammontare delle spese e dei diritti da liquidare per i ricorsi; ritenuto congruo, su questa base, determinare l´ammontare delle spese e dei diritti inerenti all´odierno ricorso nella misura forfettaria di euro 500, di cui euro 150 per diritti di segreteria, considerati gli adempimenti connessi, in particolare, alla presentazione del ricorso e ritenuto di porli a carico di Diners Club Italia s.r.l., nella misura di euro 300, previa compensazione della residua parte per giusti motivi;

VISTA la documentazione in atti;

VISTI gli artt. 145 e s. del Codice;

VISTE le osservazioni dell´Ufficio formulate dal segretario generale ai sensi dell´art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

RELATORE il dott. Giuseppe Chiaravalloti;

TUTTO CIÒ PREMESSO IL GARANTE:

a) dichiara non luogo a provvedere sul ricorso;

b) determina nella misura forfettaria di euro 500 l´ammontare delle spese e dei diritti del procedimento posti, nella misura di 300 euro, previa compensazione della residua parte per giusti motivi, a carico di Diners Club Italia s.r.l., la quale dovrà liquidarli direttamente a favore del ricorrente.

Roma, 6 luglio 2006

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Chiaravalloti

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli