g-docweb-display Portlet

Social media policy

Stampa Stampa Stampa
PDF Trasforma contenuto in PDF

VEDI ANCHE
INFORMAZIONI SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI degli utenti
che consultano i siti web del Garante per la protezione dei dati personali

 

Social media policy

Il Garante per la protezione dei dati personali (di seguito “Garante” o “Autorità”) utilizza alcuni social media e servizi di messagistica istantanea per finalità di comunicazione istituzionale, in particolare per promuovere la conoscenza delle norme e delle tematiche riguardanti la protezione dei dati personali; per informare i cittadini sulle attività svolte dall’Autorità; per rendere pubblicamente disponibili i provvedimenti adottati; per raccogliere commenti, quesiti di natura generale e suggerimenti.

Di seguito sono indicati i profili istituzionali ufficiali del Garante su social media e servizi di messaggistica istantanea:

 

Linkedin:

https://www.linkedin.com/company/autorit-garante-per-la-protezione-dei-dati-personali

Youtube:

https://www.youtube.com/c/garantedatipersonaliGP

Instagram:

https://www.instagram.com/garanteprivacy ( profilo: “garanteprivacy”)

Telegram:

https://t.me/garanteprivacy (profilo: “garanteprivacy”)

Twitter:

@GPDP_IT,twitter.com/GPDP_IT

 

Eventuali altri profili social e di messaggistica che si presentano come riferiti al Garante NON sono gestiti dall’Autorità o ad esso riconducibili.

Attraverso i propri profili istituzionali su social media e servizi di messaggistica istantanea, il Garante può condividere e rilanciare contenuti e messaggi di pubblico interesse e utilità, anche pubblicati da terzi (esempio: soggetti istituzionali, agenzie di stampa e testate giornalistiche, ecc).

Eventuali commenti sotto i post del Garante e i post degli utenti che menzionano il Garante rappresentano l’opinione dei singoli e non quella dell’Autorità, che non può essere ritenuta responsabile di ciò che viene pubblicato da terzi.

Gestione

I profili istituzionali su social media e servizi di messaggistica istantanea del Garante sono gestiti dal Servizio Relazioni Esterne e Media dell’Autorità (di seguito “staff”).

Non è prevista alcuna moderazione preventiva. Per tale ragione, il Garante chiede agli utenti che interagiscono con i suoi canali social il rispetto di alcune semplici ma importanti regole:

1. Esporre la propria opinione con educazione, correttezza, rispetto e utilizzando un linguaggio appropriato. Non sono tollerati insulti, volgarità, offese, minacce e, in generale, atteggiamenti e comportamenti violenti o diffamatori. Resta inteso che ognuno è responsabile, anche legalmente, dei contenuti che pubblica e delle opinioni che esprime.

2. I contenuti e i commenti devono essere pertinenti rispetto all’attività istituzionale dell’Autorità e ai temi della protezione dei dati personali (on topic).

3. Chi presenta dati, notizie o opinioni su fatti o tematiche specifiche è invitato a proporre argomentazioni fondate e non pretestuose e a fare riferimento a fonti attendibili e verificabili.

4. I contenuti pubblicati devono rispettare sempre la sfera di riservatezza delle persone. Vanno in ogni caso evitati riferimenti a fatti o a dettagli privi di rilevanza pubblica e che ledano la sfera personale di terzi.

5. Non è ammessa alcuna forma di pubblicità, spam o promozione di interessi privati o di attività lecite o illegali.

6. Non sono ammessi contenuti che violino il diritto d’autore né l’utilizzo non autorizzato di marchi registrati.

I contenuti

In ogni caso, ove possibile, saranno rimossi dallo staff tutti i post, i commenti o i materiali audio/video che:

• utilizzano un linguaggio inappropriato e/o un tono minaccioso, violento, volgare o offensivo;

• presentano contenuti illeciti o di incitamento a compiere attività illecite;

• hanno finalità di promozione di prodotti e servizi;

• divulgano direttamente o indirettamente dati e informazioni personali (nomi, indirizzi email, numeri di telefono, codici fiscali, numeri di conto corrente, indirizzi, numeri di protocollo di documenti o pratiche, video o foto di persone riconoscibili, ecc.) o che in qualunque modo possono cagionare danni o ledere la sfera di riservatezza o la reputazione degli interessati;

• riportano, direttamente o indirettamente, informazioni riferite a minori;

• hanno un contenuto discriminatorio per genere, razza, etnia, lingua, credo religioso, opinioni politiche, orientamento sessuale, età, condizioni personali e sociali, salute;

• hanno finalità di spam;

• promuovono o sostengono attività lecite o illegali, che violano il copyright o che utilizzano in modo improprio un marchio registrato;

• in generale risultano non coerenti con le finalità di comunicazione istituzionale del Garante e con i contenuti comunicativi dei suoi profili social (off topic).

Per chi dovesse violare queste condizioni, il Garante si riserva il diritto di usare il ban o blocco (quando possibile, dopo un primo avvertimento) e, nei casi più gravi (ad esempio promozione o sostegno di attività illegali o commissione di qualsiasi forma di reato o danneggiamento di terzi), di segnalare l’utente ai responsabili della piattaforma ed eventualmente alle autorità preposte.

I canali social del Garante non possono essere utilizzati per richiedere (tramite messaggi diretti, commenti, menzioni, ecc.) informazioni personali o assistenza diretta (ad esempio su pratiche, problematiche personali, segnalazioni, ecc.). Per tali necessità si deve sempre fare riferimento esclusivamente ai canali di contatto ufficiali (indicati sul sito dell’Autorità: https://www.garanteprivacy.it/home/footer/contatti) e all’URP del Garante (http://www.garanteprivacy.it/home/urp).

In generale, non è garantita la risposta diretta alle menzioni, ai messaggi o ai commenti e si precisa che non esistono tempi minimi o massimi di risposta. Lo staff si riserva di rispondere a commenti e messaggi o intervenire in discussioni solo quando ne ravvisa l’effettiva utilità anche in termini di corretta informazione al pubblico e valutata la correttezza e adeguatezza dello stile comunicativo adottato dall’utente.

Chi segue un canale social media del Garante non viene automaticamente seguito.

Se il Garante segue account di altri utenti, stringe amicizia con essi o li inserisce nelle sue liste di interesse, oppure commenta contenuti di altri utenti e/o vi attribuisce dei “like”, ciò non implica la condivisione da parte dell’Autorità della linea di pensiero degli utenti interessati o l’approvazione di tutti i contenuti pubblicati dagli stessi.

Protezione dei dati personali

Il trattamento dei dati personali degli utenti risponde alle policy in uso sulle piattaforme utilizzate. I dati personali o sensibili inseriti in commenti o post pubblici all’interno dei canali sui social media del Garante potranno essere rimossi.

I dati condivisi dagli utenti attraverso messaggi privati inviati direttamente ai gestori dei canali saranno trattati nel rispetto delle norme vigenti sulla protezione dei dati personali e della Informativa sulla protezione dati presente sul sito del Garante.

Scheda

Doc-Web
9576401

Tipologia

Documenti

Documenti citati