Salta al contenuto

DIRITTI E PREVENZIONE > COME TUTELARE LA TUA PRIVACY

ricerca avanzata

Provvedimento del 8 febbraio 2007 [1388875]

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1388875
Data:
08/02/07
Tipologia:
Particolari accertamenti

[doc. web n. 1388875]

Provvedimento del 8 febbraio 2007

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTO il regolamento (Ce) n. 2725/2000 del Consiglio dell'11 dicembre 2000 che istituisce l'Eurodac per il confronto delle impronte digitali ai fini dell'efficace applicazione della Convenzione di Dublino (Convenzione sulla determinazione dello Stato competente per l'esame di una domanda di asilo presentata in uno degli Stati membri delle Comunità europee);

VISTA la documentazione in atti;

VISTE le osservazioni dell'Ufficio formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

RELATORE il prof. Francesco Pizzetti;

PREMESSO CHE:

  • il Garante per la protezione dei dati personali è l'autorità indipendente incaricata di esercitare il controllo sul trattamento dei dati a carattere personale effettuato dall'Italia ai sensi del regolamento n. 2725/2000 e di verificare che la trasmissione dei medesimi dati all'unità centrale (situata a Bruxelles ed amministrata dalla Commissione europea) avvenga lecitamente ai sensi del regolamento stesso (art. 154, comma 2, lett. d), del Codice; art. 19 reg. n. 2725/2000);
  • sono state conferite al Garante europeo della protezione dei dati le funzioni già svolte dall'autorità comune di controllo prevista all'articolo 20 del citato regolamento;
  • il Garante europeo della protezione dei dati ha convocato il 28 settembre 2005 una prima riunione di coordinamento sulla supervisione di Eurodac, a seguito della quale sono scaturite linee di azione per svolgere in parallelo indagini in ciascuno Stato parte, concentrate su alcuni aspetti considerati prioritari;
  • tali aspetti concernono: a) le cd. "ricerche speciali", ovvero le richieste che gli Stati membri inviano alla predetta unità centrale in relazione all'art. 18 del citato regolamento (in tema di accesso dell'interessato) e che risultano variare da paese a paese; b) le possibilità di uso dei dati a fini diversi da quelli consentiti dal regolamento; c) la qualità –sotto il profilo tecnico- dei dati;
  • dalle statistiche curate dalla Commissione europea sull'andamento delle menzionate "ricerche speciali" (doc. Sec [2006] 1170 del 15 settembre 2006) emergono, infatti, cifre diversificate da paese a paese, mentre non risultano presentate al Garante italiano istanze di interessati volte ad esercitare i diritti conferiti dal predetto articolo 18 del regolamento;
  • l'Ufficio del Garante ha inoltrato al Ministero dell'interno una richiesta preliminare di informazioni in relazione agli aspetti sopra evidenziati;
  • per completare l'azione richiesta, occorre procedere ad una verifica, anche con visita in loco, delle informazioni prima ottenute e riscontrare, in particolare, la sussistenza della base giuridica necessaria per l'inserimento dei dati dattiloscopici nell'unità centrale e per l'interrogazione del sistema, nonché l'adeguatezza delle misure di sicurezza adottate nel trattamento;
  • ritenuta, altresì, la necessità di svolgere più ampi accertamenti sulla liceità e correttezza dei trattamenti comunque effettuati per l'attuazione della predetta convenzione, anche al di là di quanto previsto dalla predetta azione;
  • dato atto che il Garante effettuerà tali accertamenti per il tramite del componente designato dott. Giuseppe Fortunato, ai sensi dell'art. 160 del Codice;

TUTTO CIÓ PREMESSO IL GARANTE:

delibera di effettuare, per il tramite del componente designato dott. Giuseppe Fortunato, ai sensi dell'articolo 160 del Codice, gli accertamenti necessari a verificare la liceità del trattamento dei dati destinati a confluire in Eurodac, nonché le modalità del loro inserimento nel sistema, presso i competenti uffici del Ministero dell'interno, centrali e periferici.

Roma, 8 febbraio 2007

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Pizzetti

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli