Diritti interna

Doveri interna

ricerca avanzata

Trattamento di dati personali da parte di un'associazione politica - 23 dicembre 2010 [1784951]

[doc. web n. 1784951]

Trattamento di dati personali da parte di un´associazione politica - 23 dicembre 2010

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Nella riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti, e del dott. Daniele De Paoli, segretario generale;

Viste le segnalazioni presentate ai sensi dell´art. 144 del d.lg. 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) da XY e KW nei confronti del Coordinamento Comunale del JH di ZK

Visti gli atti d´ufficio;

Esaminata la documentazione acquisita agli atti;

Viste le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell´art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore il dott. Mauro Paissan;

PREMESSO

1. Trattamento di dati personali da parte di un´associazione.
1.1. Con distinte segnalazioni (seppur di analogo tenore), XY e KW hanno lamentato un´indebita divulgazione dei loro dati personali (anche sensibili) da parte del Coordinamento Comunale del JH di ZK (di seguito, "circolo"), il quale, in data 27 settembre 2009, aveva affisso nella propria bacheca, sita "lungo il corso principale del paese", un comunicato con cui si dava conto dell´avvenuta cancellazione dall´anagrafe degli iscritti al JH, tra gli altri, proprio delle segnalanti.

Tale affissione, a detta delle istanti, avrebbe integrato un´illecita divulgazione di dati personali, con conseguente danno anche alla loro immagine.

A sostegno delle proprie deduzioni, le segnalanti hanno prodotto materiale fotografico attestante l´affissione del comunicato, avente il seguente tenore: "Finalmente la verità – La storia risale al 21 luglio 2009 quando il Coordinamento del Circolo di ZK decise di cancellare dall´anagrafe dei propri iscritti alcune persone che, in occasione delle elezioni amministrative del Comune di ZK, avevano dato vita ad una lista in contrapposizione a [quella] appoggiata dal JH. Dopo un lungo iter presso la segreteria provinciale del JH di XZ, il 28 luglio 2009 la Commissione Provinciale di Garanzia […] sanciva la piena legittimità della richiesta del Circolo e pertanto sanciva la cancellazione dall´anagrafe degli iscritti del JH dei seguenti signori: […]. La comunicazione ai suddetti signori è stata formalizzata in data 23 settembre 2009 tramite lettera. Pertanto gli stessi sono da considerarsi decaduti da qualsiasi incarico ricoperto a livello locale, provinciale e/o regionale all´interno del JH".

2. Le osservazioni del circolo.
Con nota del 20 gennaio 2010, il Coordinamento Comunale del JH di ZK ha fatto pervenire le proprie osservazioni in ordine alla vicenda segnalata, rappresentando che le istanti, nel corso della campagna elettorale per le elezioni amministrative tenutesi in ZK il 6 e 7 giugno 2009, avevano promosso (unitamente ad altri soggetti) una lista concorrente a quella ufficialmente sostenuta dal JH. Conseguentemente, "la procedura di espulsione si [era] resa necessaria in quanto l´attività dei "fuoriusciti" non si [era] limitata alla costituzione di una lista antagonista a quella sostenuta dal JH, ma con volantini […], posta elettronica, incontri pubblici, [avevano] contrastato fortemente la lista […] ufficialmente sostenuta dal JH) sostenendo impropriamente ed illegittimamente la loro appartenenza e permanenza nel JH".

Secondo quanto dichiarato, l´affissione del comunicato avrebbe risposto alla necessità "di dare una corretta informazione ai propri elettori (iscritti e sostenitori)" (anche alla luce del disorientamento che si sarebbe determinato presso l´elettorato a seguito dei comunicati distribuiti in sede di campagna elettorale, che qualificavano i sostenitori della predetta lista antagonista come appartenenti allo stesso JH), nel "rispetto dei canoni della verità dei fatti, dell´interesse pubblico e dell´essenzialità dell´informazione". Peraltro, tale affissione sarebbe comunque "avvenuta successivamente alla pubblicazione della notizia sui giornali locali, quando la notizia era di dominio pubblico e si rendeva necessaria per dare una compiuta informazione agli iscritti ed ai simpatizzanti".

In ogni caso, "l´appartenenza politica dei […] soggetti […] citati [sarebbe stata già] nota alla pubblica opinione"; ciò in considerazione del fatto che entrambe le segnalanti –l´una già "segretario dell´allora YW e al momento dell´espulsione dirigente attivo e dichiarato del Coordinamento del Circolo JH di ZK", l´altra "ex assessore comunale nelle fila dell´allora YW […] e al momento dell´espulsione membro del direttivo del Coordinamento del Circolo JH di ZK"– avevano "partecipato alle elezioni pubbliche dei membri del circolo comunale", palesando così (in forma pubblica, attraverso l´inclusione dei loro nominativi nelle liste dei partecipanti alle "primarie" del partito) "la loro appartenenza politica al JH".

Alla luce di tali considerazioni, il "circolo" ritiene che nessun addebito possa essere formulato nei propri confronti in relazione alla vicenda, tenuto peraltro conto che le segnalanti, benché colpite "dal provvedimento di espulsione –tra l´altro non impugnato– al momento del tesseramento [avevano] sottoscritto l´autorizzazione al trattamento dei [propri] dati personali".

Peraltro, a dispetto di quanto prospettato dalle istanti, sarebbe stato il "circolo" stesso a subire danni dalla vicenda intercorsa, a cagione dello "sviamento" procurato (o tentato) del proprio elettorato "da parte di soggetti non più appartenenti al partito stesso".

A suffragio delle proprie dichiarazioni, il "circolo" ha prodotto materiale documentale relativo, in particolare, a: la copia del verbale del "comitato di garanzia" relativo all´espulsione delle segnalanti, avvenuta in data 28 luglio 2009; la brochure elettorale utilizzata nell´ambito delle ultime elezioni amministrative tenutesi il 6 e 7 giugno 2009 presso il comune di ZK, unitamente ad un comunicato elettorale in cui i sostenitori della lista antagonista al JH si qualificano come "riformatori del JH"; le comunicazioni inviate alle interessate in ordine alla loro decadenza dall´appartenenza al circolo, datate 23 settembre 2009.

3. Le ulteriori osservazioni delle segnalanti.
Con note dell´8 marzo 2010, le segnalanti hanno fatto pervenire ulteriori osservazioni in ordine alla vicenda, rappresentando, in particolare, che:

a) il comunicato oggetto di affissione risulterebbe ancora esposto, alla data del 4 marzo 2010, lungo il corso principale del paese;

b) la pubblicazione sui giornali locali, addotta dal circolo quale uno dei presupposti giustificativi dell´affissione, avrebbe riguardato persona diversa dalle segnalanti;

c) nessun condizionamento dell´elettorato sarebbe potuto derivare dalla pubblicazione della notizia della loro espulsione (avvenuta nel mese di luglio 2009), in quanto le elezioni politiche avevano già avuto luogo nel mese di giugno 2009.

A sostegno delle proprie dichiarazioni le segnalanti hanno prodotto materiale fotografico attestante la permanente affissione alla data indicata del comunicato in questione.

4. Profili di illiceità del trattamento.
Le segnalazioni pervenute all´Autorità hanno ad oggetto il trattamento di dati personali (anche sensibili) effettuato da un´associazione a carattere politico.

Le risultanze istruttorie hanno evidenziato che il Coordinamento Comunale del JH di ZK, in data 27 settembre 2009, ha affisso (per il tramite della relativa coordinatrice) in spazi liberamente accessibili a terzi un comunicato con il quale si rendeva nota l´avvenuta cancellazione dall´anagrafe degli iscritti al JH dei soggetti ivi espressamente indicati, tra i quali le segnalanti. Tale documento, in base al materiale e alle dichiarazioni rese dalle istanti anche ai sensi e per gli effetti di cui all´art. 168 del Codice, è risultato ancora affisso alla data del 4 marzo 2010.

Al riguardo, occorre anzitutto evidenziare che dagli elementi acquisiti agli atti non risultano elementi idonei a far ricondurre in capo a soggetti diversi dal Coordinamento Comunale del JH di ZK il potere decisionale in ordine alle finalità e modalità della predetta affissione; ne consegue che la titolarità del trattamento in esame deve essere individuata in capo all´associazione in base all´art. 28 del Codice.

Ciò premesso, vale rilevare che la menzionata affissione, considerato anche il contesto locale circoscritto e il momento storico in cui è avvenuta, risulta essere stata effettuata dal circolo nel perseguimento di un legittimo interesse alla trasparenza e alla corretta informazione degli appartenenti alla compagine locale e che le modalità utilizzate, tenuto conto delle attuali risultanze istruttorie, non risultano concretamente sproporzionate.

Infatti, benché la menzionata affissione abbia avuto ad oggetto un comunicato che, per le informazioni ivi contenute (correlate ad un provvedimento espulsivo da un´associazione a carattere notoriamente politico), risulta fisiologicamente idoneo a rivelare "le opinioni politiche" delle segnalanti, nonché la loro "adesione a […] associazioni od organizzazioni a carattere […] politico" (secondo l´accezione accolta dall´art. 4, comma 1, lett. d), del Codice), deve tuttavia evidenziarsi che la medesima affissione risulta effettuata nell´ambito di una pubblicazione di una manifestazione del pensiero prevista e disciplinata, sotto il profilo della protezione dei dati personali, dagli artt. 136 e ss. del Codice.

In proposito, vale sottolineare che l´appartenenza politica delle segnalanti, secondo le dichiarazioni rese dal circolo ai sensi dell´art. 168 del Codice, risultava già nota presso l´opinione pubblica locale di un piccolo Comune per effetto della loro militanza "pregressa" all´interno del JH (confermata, peraltro, dalla stessa partecipazione delle istanti alle elezioni per le "primarie") e delle cariche dalle medesime rivestite all´interno dell´organizzazione al momento della loro espulsione; ne consegue che i dati personali relativi alla loro appartenenza politica potevano essere lecitamente trattati dal circolo, nel caso di specie e per le finalità sopra richiamate, in base all´art. 137, comma 3, del Codice (che, in caso di diffusione di dati personali derivante dalla pubblicazione di manifestazioni del pensiero, riconosce la facoltà di trattare informazioni relative a circostanze o fatti resi noti direttamente dagli interessati o attraverso loro comportamenti in pubblico).

Né, sotto altro profilo, risultano concretamente violati i limiti del diritto di cronaca avuto riguardo, in particolare, all´essenzialità dell´informazione, atteso che, nel caso di specie, l´affissione del comunicato risulta aver risposto ad una precisa esigenza di trasparenza nei confronti dell´opinione pubblica del Comune in questione e dei sostenitori del JH che, a seguito della campagna elettorale precedentemente tenutasi (durante la quale erano stati distribuiti comunicati in favore della lista antagonista sostenuta dalle istanti e recanti l´equivoca dizione "riformisti del JH"), potevano risultare verosimilmente disorientati.

Ciò premesso, occorre tuttavia sottolineare che il comunicato oggetto della contestata pubblicazione, in base al materiale fotografico prodotto dalle segnalanti, alla data del 4 marzo 2010 risulta ancora affisso nella bacheca del circolo. Tenuto conto che tale affissione è avvenuta in data 27 settembre 2009 e che il ristretto contesto locale, anche alla luce delle finalità di trasparenza e chiarificazione dichiarate dal circolo, non appare tale da giustificare la permanenza di detto comunicato nella bacheca per un così esteso arco temporale, deve ritenersi che il trattamento dei dati delle segnalanti, limitatamente a detto profilo, debba ritenersi sproporzionato (art. 11, comma 1, lett. d), del Codice).

Per tale ragione, si ritiene di dover vietare al Coordinamento Comunale del JH di ZK, qualora i dati in questione non siano già stati rimossi, l´ulteriore diffusione a mezzo affissione nella bacheca sita lungo il "corso principale del paese" dei dati personali anche sensibili riferiti alle interessate (artt. 143, comma 1, lett. c), 144 e 154, comma 1, lett. d) del Codice), perché eccedente rispetto alle finalità perseguite, da considerarsi ormai raggiunte.

TUTTO CIÒ PREMESSO IL GARANTE

ai sensi degli artt. 143, comma 1, lett. c), 144 e 154, comma 1, lett. d) del Codice, vieta al Coordinamento Comunale del JH di ZK, qualora i dati in questione non siano già stati rimossi, l´ulteriore diffusione a mezzo affissione nella bacheca sita lungo il corso principale del Comune di ZK dei dati personali anche sensibili riferiti alle interessate, perché eccedente rispetto alle finalità perseguite (art. 11, comma 1, lett. d), del Codice).

Roma, 23 dicembre 2010

IL PRESIDENTE
Pizzetti

IL RELATORE
Paissan

IL SEGRETARIO GENERALE
De Paoli