Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Privacy shield

 

 

 

 

 

 

Privacy Shield

 


IMPORTANTE

 

La Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) si è pronunciata il 16 luglio 2020 (c.d. "Sentenza Schrems II") in merito al regime di trasferimento dei dati tra l'Unione europea e gli Stati Uniti invalidando la decisione di adeguatezza del Privacy Shield, adottata nel 2016 dalla Commissione europea in seguito alla decadenza dell'accordo Safe Harbor.

 

Nella stessa sentenza la CGUE ha inoltre ritenuta valida la decisione 2010/87 relativa alle clausole contrattuali tipo per il trasferimento di dati personali a incaricati del trattamento stabiliti in Paesi terzi.

 

Il Comitato Europeo per la Protezione dei Dati (EDPB) ha predisposto delle FAQ relative alla sentenza Schrems II e ai suoi effetti.

 

 

 

EUROPEAN DATA PROTECTION BOARD (EDPB)
Domande frequenti sulla sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea nella causa C-311/18 - Data Protection Commissioner/Facebook Ireland Ltd e Maximillian Schrems

(24 luglio 2020)

ENGLISH VERSION

 

 

EUROPEAN DATA PROTECTION BOARD (EDPB)
Statement on the Court of Justice of the European Union Judgment in Case C-311/18 - Data Protection Commissioner v Facebook Ireland and Maximillian Schrems

(17 luglio 2020)

 

CORTE DI GIUSTIZIA  DELL'UNIONE EUROPEA
Sentenza della Corte di giustizia nella causa C-311/18 Facebook Ireland e Schrems

(16 luglio 2020)

 


 

 

 

 

 

 

La Commissione europea ha adottato il 12 Luglio 2016 una decisione in merito al cosiddetto Privacy Shield, l´accordo che regolamenta il trasferimento di dati tra Unione europea e USA.

 

L´accordo protegge i diritti fondamentali delle persone nell´UE i cui dati personali vengano trasferiti negli Stati Uniti, e stabilisce regole certe per le imprese che effettuano trasferimenti di dati al di là dell´Atlantico.

 

La nuova disciplina prevede:

 

• obblighi di protezione stringenti per le imprese che trasferiscono dati

 

• misure di sicurezza in materia di accesso ai dati da parte del Governo degli Stati Uniti

 

• strumenti specifici per la tutela delle persone

 

• la revisione annuale congiunta dell´accordo per monitorarne l´attuazione .

 

Il nuovo accordo fa seguito alle indicazioni della Corte di giustizia europea, che il 6 ottobre 2015 aveva dichiarato non valida la decisione della Commissione del 2000 sullo scambio di dati tra UE e USA, il cosiddetto Safe Harbour.

 

 

RIFERIMENTI GIURIDICI

 

- Privacy Shield: Decisione sull´adeguatezza (12 luglio 2016) - Allegati

 

- Article 29 Working Party Statement on the decision of the European Commission on the EU-U.S. Privacy Shield (26 luglio 2016)

 

- Safe Harbor: sentenza della Corte di Giustizia dell´Unione Europea (6 ottobre 2015)

 

- Autorizzazione al trasferimento di dati all´estero tramite l´accordo denominato "EU-U.S. Privacy Shield - 27 ottobre 2016
(Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 273 del 22 novembre 2016)

 

 

FAQ E MODELLI

 


- FAQ per le imprese europee (Gruppo di lavoro Articolo 29 – WP245 del 13 dicembre 2016)


- FAQ per gli interessati (Gruppo di lavoro Articolo 29 – WP246 del 13 dicembre 2016)

- Modello per i reclami relativi ai trattamenti in ambito commerciale

- Modello per i reclami relativi ai trattamenti effettuati per finalità di intelligence)

 

 

 

ALTRI RIFERIMENTI UTILI

 

 

- Guida della Commissione europea allo scudo UE-USA per la privacy

 

- Il sito dedicato al Privacy Shield e curato dal Department of Commerce (Dipartimento del Commercio USA)